lunedì 19 dicembre 2011

News

Non ho grandi notizie, in realtà. Di nuovo c'è che ho tagliato i capelli cortissimi, che sono ingrassata (odio già il Natale, mi ritroverò obesa il 6 gennaio) e mi detesto per questo. E sì, mi piace uno. Uno che mi vergogno a guardare negli occhi e a cui rivolgo pochissimo la parola. Io che mi vergogno: è praticamente un ossimoro. Uno non usato, non pazzo, non drogato, non poligamo, non maleducato, non puzzolente. Uno laureato, profumatissimo, simpatico, capace di scrivere/parlare in italiano corretto, timido. Se me lo descrivessero stenterei a credere nella sua esistenza, eppure l'ho avuto davanti agli occhi per tutta la sera, lo giuro. Cena di gruppo e poi cinema in quattro, ché nessuno voleva vedere quel film. Seduti lui, io, amica e amico che si frequenta/sta insieme ad amica (non s'è ancora ben capito). Loro si sbaciucchiavano e noi commentavamo il film. E io potevo sentire il suo odore e desideravo tanto sfiorargli un braccio, ad un certo punto ho pensato quasi di farmi coraggio e fare qualche gesto plateale. Ma poi mi sono ricordata che proprio oggi ho letto di uno condannato per aver palpeggiato una donna in un cinema e non vorrei fare quella fine.
E insomma sì, mi piace uno. Con un nome e un lavoro normali. E per un attimo ho avuto la malsana idea che mi piacerebbe conoscerlo, uscirci a cena senza ubriacarci, non andarci subito a letto, ma aspettare persino a dargli un bacio. Guardare un film, scoprire qual è il suo libro preferito e farmi raccontare la sua vita. Poi l'idea malsana m'è passata, soprattutto considerando che lui dei miei folli progetti non sa nulla. E a dire il vero non ho mica capito se io gli piaccio almeno un po'. Sembro una 14enne, lo so.
Ma la verità è che sono immensamente felice perché il peso sullo stomaco che avevo da mesi scompare a poco a poco. Perché per quanto non mi piaccia il Natale quest'anno provo meno fastidio del solito. Perché sembra che io sia riuscita a cancellare dal mio cervello qualcuno che non vuole far più parte della mia vita. E finalmente mi sono convinta che è lui che ci perde. E per una volta lo dico senza mentire a me stessa.
E insomma sembra che io, il tizio (nuovo), i miei amici e i suoi amici rischiamo seriamente di trascorrere insieme il Capodanno. E io lo so come ci riduciamo a Capodanno. E lo so che potrei dare il peggio di me. Ma, dicono, anche lui potrebbe non essere del tutto sobrio. Vorrei evitare di fare i soliti casini alcolici, ma tanto so che ogni volta me ne convinco, me lo ripeto anche mentre sono ubriaca, ma poi finisce sempre così.
Adesso però chiudo questo post delirante da letterina di Cioè, ché è il caso di dormire. Ma dato che le letterine si concludevano sempre con una domanda, voi che dite, come faccio a far capire al tizio molto timido di cui sopra che mi interessa?
Confusa1985

6 commenti:

  1. Riccardo"io"19 dicembre 2011 08:28

    urca,
    mi sono rimaste nelle dita alcune parole:
    "senti", "non devi"
    te le posto adesso, mettile tu al punto giusto XD
    (a quest'ora sono ancora sul rinco, ma forse anche più tardi :D )

    RispondiElimina
  2. sono contenta di sentire che stai meglio :P

    RispondiElimina
  3. Riccardo"io"19 dicembre 2011 10:33

    ciao!
    ho paura che il mio primo commento (quello al quale mi riferisco sopra) sia stato etichettato dalla piattaforma come "spam"... =D

    RispondiElimina
  4. @Isabel: grazieee :)

    @Riccardo: in posta mi sono arrivati tutti i tuoi commenti, ma qui ne compaiono solo due. Ultimamente la piattaforma mi sta dando qualche problema, ad ogni modo grazie per i commenti e per i consigli!

    RispondiElimina
  5. Grazie Iris e scusa il problema;
    in questi giorni il sistema deve aver autonomamente
    deciso quali sono gli spam...
    so che non sei l'unica ad avere questo problema,
    passerà dai... :-D

    RispondiElimina
  6. questo post mi piace :) carico di positività :)
    io ti dico: non fare programmi, viviti quello che viene, parlaci di più...e se ti piace sul serio diglielo chiaramente :)

    RispondiElimina